Chiesa di San Vittore

Una tradizione vuole che la chiesa di Taio fosse aggregata alla basilica di S. Vittore di Milano e che il vescovo Ambrogio abbia mandato le reliquie di questo santo al vescovo di Trento, Vigilio (V secolo). 

La prima documentazione storica risale al 1276, anno in cui il vescovo Enrico III conferma i privilegi della chiesa. Negli atti visitali del 1537 la chiesa risultava priva di ogni ornato e il pievano Cosma de Mariani si giustificava col fatto che i parrocchiani avevano dovuto sopportare ingenti spese per l’erezione del campanile. Nei secoli successivi vengono aggiunti gli altari e la pala, rappresentante il martirio di San Vittore dipinta da M. Lampi. Nel 1845 la chiesa, angusta per l’aumentata popolazione e cadente, venne demolita e ricostruita nella forma attuale mantenendo solo il coro. Venne consacrata nel 1850 dal ven. (ora beato) Giovanni Neponuceno de Tschiderer. Contestualmente fu spostato fuori dell’abitato il cimitero che la cingeva. Ora ha tre altari. L’altare maggiore in marmi policromi e ciborio è del 1876, opera dello Scanogatta di Rovereto. Quello a sinistra con quattro colonne di marmo fu fatto erigere nel 1703 dal parroco Valentino Chilovi, di cui riporta lo stemma nobiliare; quello a destra fu fatto erigere nel 1684 da Giuovanni Panizza. La pala raffigura un angelo che libera un’anima dal purgatorio e reca lo stemma nobiliare. Sul lato sinistro del presbiterio c’è la pala del 1755 raffigurante il martirio di S. Vittore dipinta da Mattia Lampi. 

La struttura massiccia del campanile si erge di poco staccata dalla chiesa di San Vittore. E’ a pianta quadrata (lato di ml. 7.35 e ml.6.85, rispettivamente alla base e all’altezza della cella campanaria). La notevole altezza (ml. 43.30 alla sommità della croce) è resa meno evidente dalle massicce dimensioni trasversali, dai sottili marcapiani e dalle ampie monofore della cella campanaria.
Lo spessore dei muri varia fra 1.60 ml. alla base e 1 ml. all’altezza delle monofore. Il tetto ha la copertura in scandole di larice. 
La costruzione può essere datata secondo le piccole lapidi poste a diverse altezze sulla facciata ovest dell’edificio. La prima, a circa 2.50 ml. dal suolo, reca la data MCXXVI; la seconda, a ml. 16.50, il 1531 mentre la terza, su di una pietra dell’orologio porta la scritta ‘164’, di cui l’ultima cifra risulta ormai illeggibile. 
La porta sopraelevata (ma ancora visibile), le strette feritoie e la forma massiccia fanno pensare che il campanile, oltre alla funzione religiosa, avesse anche quelle civiche e di difesa. 

Tipologia di luogo
Chiesa

Mercoledì, 26 Novembre 2014

© 2018 Comune di Predaia powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl